Tutti con il naso all’insù ad ammirare i giochi di luce e di note. A stare con i piedi ben ancorati per terra ci saranno un centinaio di volontari della Croce Rossa di Monza.

Una grande squadra (supportata anche dai volontari dei Comitati della Regione Lombardia, della Brianza e di Milano) garantirà il prezioso servizio in occasione del tradizionale spettacolo pirotecnico in programma lunedì 24 giugno al Parco, in occasione della festa di San Giovanni, patrono di Monza.

Previsto l’arrivo di 50mila spettatori che confluiranno nel grande polmone verde recintato fin a partire dal tardo pomeriggio, con il massimo dell’affluenza dopo le 19. Un fiume di persone che giungeranno già “provate”: come ogni anno blocchi stradali e la possibilità di raggiungere il Parco esclusivamente a piedi, non agevolerà chi ha sulle spalle una giornata di lavoro, oltre alla canicola.

A garantire il servizio i volontari della Croce Rossa di Monza coordinati da Area 3 in dieci squadre appiedate (formazioni che si sono dimostrate molto preziose già in occasione dei grandi concerti al Parco), 6 ambulanze (di cui un mezzo 4X4) e un Posto medico avanzato con medico rianimatore, oltre ad una squadra ad hoc (della quale faranno parte anche le infermiere volontarie) impegnata nell’accompagnamento delle persone disabili. Il team sarà gestito dalla centrale operativa.

Un impegno non indifferente quello che viene affidato ai volontari della Croce Rossa di Monza che saranno operativi fin dalle 16 terminando il servizio solo intorno a mezzanotte quando tutto il pubblico avrà abbandonato il Parco. Un fiume di 50mila spettatori  che, come spesso accade, si rivolgeranno ai volontari della CRI per piccoli problemi legati alla mobilità, slogature, allergie e riacutizzazione di problemi già esistenti aggravati spesso dal caldo e dalla fatica.